Excel 2010 a 32 bit di windows 7 64-bit odbc – Problema di Connessione

Abbiamo un foglio di calcolo di Excel che si collega alla Salvia tramite vba connessione odbc (nome utente e Password *’d)

Set CN = New ADODB.Connection
With CN
    .Provider = "MSDASQL"
    .ConnectionString = "DSN=SageLine132;UID=******;PWD=******;"
    .CursorLocation = adUseClient
    .Open
End With

Questa connessione funziona bene sul nostro 32-bit di windows xp con office 2010, ma non sul nuovo windows 7 64-bit computer che eseguono office 2010 a 32 bit.

Quando ho aperto il odbc32 nella cartella syswow64 il DSN di sistema è installato.

Qualcuno ha qualche lavoro in giro per questo o un modo per connettersi senza accedere a sistemi di origine dati (DSN)?

  • Ciao Jamie. Questa domanda è off-topic per i programmatori.SE, e sarà probabilmente chiuso o migrati. Si prega di dare un’occhiata alla nostra FAQ 🙂 Inoltre, si dovrebbe prendere in considerazione modifica il titolo in modo che si dice qualcosa circa il tuo problema. Come è ora, è probabile che alcune persone la leggeranno.
  • Controllare questo sito: connectionstrings.com
InformationsquelleAutor | 2012-08-21

 

One Reply
  1. 3

    Ho il sospetto che questo ha qualcosa a che fare con l’eseguibile che è memorizzato in syswow32/ o syswow64/.

    Non ho mai usato la Salvia, ma ho già avuto un problema con la presenza dei driver MyODBC su 64b sistema, la risoluzione qui potrebbe aiutarvi:

    per vincere 64b utenti (XP, win7), per poter accedere alla tua presenza dei driver MyODBC
    (o qualsiasi altro driver DB), è necessario eseguire le Fonti di Dati da
    %windir%\SysWOW64\odbcad32.exe.

    Excel 2010 a 32 bit di windows 7 64-bit odbc - Problema di Connessione

    Per rendere permanente la modifica, è possibile aggiungere una nuova icona Fonti Dati in voi Pannello di Controllo (deve farlo da explorer in quanto richiede la conferma) con il nome di Origini Dati x64, e %windir%\SysWOW64\odbcad32.exe

    Excel 2010 a 32 bit di windows 7 64-bit odbc - Problema di Connessione

    per l’articolo completo, vedere qui.

Lascia un commento